Passeggini gemellari ultraleggeri, quali scegliere? Info, prezzi, opinioni

La leggerezza è una caratteristica che spesso viene messa in secondo piano dai neo genitori in attesa di gemellini. Questo perché si tende a ricercare estetica e design. Compattezza e maneggevolezza, invece, sono dettagli che, alla lunga, portano benefici in termini di fatica risparmiata e di tempo, soprattutto quando abbiamo a che fare con due figli piccoli. Inoltre, in molti pensano che leggerezza sia sinonimo di scarsa qualità e poca robustezza, invece l’industria dei passeggini gemellari, negli ultimi anni, ha ritenuto di dover migliorare notevolmente questo aspetto e ha introdotto nuovi materiali super leggeri, che conciliano le esigenze di flessibilità a quelli di durevolezza dei mezzi di trasporto per neonati e bambini.

Perché scegliere un passeggino ultraleggero?

Un passeggino gemellare è , per definizione, molto più pesante di uno singolo. Quando viaggiamo, oppure durante le passeggiate quotidiane è facile trovarsi di fronte a barriere architettoniche e naturali. Viviamo in un paese dalla storia antica e siamo circondati dalle bellezze del passato, ma strade, vicoli e marciapiedi non sono stati proprio pensati a prova di passeggini, figuriamoci se gemellari.

Salire e scendere dagli scalini di un acquedotto antico, spingere il passeggino sulle salite, oppure fare su e giù sui mezzi di trasporto per raggiungere il centro storico, diventa più complicato con un mezzo pesante e poco maneggevole. Abbiamo necessariamente bisogni di diminuire il peso che ci dobbiamo trascinare dietro e quindi prestare attenzione a questo fattore, in fase di acquisto. Ovviamente, affidarci a un brand di cui ci fidiamo e che già conosciamo come affidabile, ma nello scegliere lo specifico articolo dobbiamo fare attenzione ad alcuni punti di forza irrinunciabili per la sicurezza dei bambini e per la nostra schiena.

Quali sono i fattori decisivi per la scelta?

Telaio e ruote sono i due aspetti funzionali a cui prestare attenzione quando andiamo a scegliere un passeggino gemellare che sia ultraleggero e maneggevole. Gli ultimi modelli in commercio, prodotti per la stagione 2019, presentano materiali nuovi come la fibra di carbonio, usata già da tempo per rendere più leggeri attrezzi ginnici come racchette da tennis e da sci, telai delle bici da corsa e canoe.

Questo tipo di materiale ha il vantaggio non solo di essere leggerissimo, ma di garantire anche robustezza e durevolezza, fattori importanti perché le scocche dei passeggini gemellari dovranno sorreggere il peso di due bambini, in aggiunta a buste, e le bag pesanti  che ogni neo genitore porta con sé fuori casa per avere a portata di mano tutti gli oggetti utili a risolvere gli imprevisti più disparati.

Le ruote, sono un secondo fattore importantissimo. Se pensate male, daranno non pochi problemi sui terreni più accidentati, e dovranno essere adatti per tutti i viaggi che abbiamo intenzione di fare in famiglia. Quindi se non vogliamo ritrovarci impantanati sulla spiaggia, chiediamo se il passeggino gemellare che siamo intenzionati a comprare possa essere compatibile con la sabbia o con la terra umida, se preferiamo la campagna.

Solitamente, i passeggini ultraleggeri, hanno quattro ruote, ma l’ultima tendenza è quella di montare 3 ruote, di cui due posteriori e una anteriore. In questo modo sembra più facile controllare il passeggino da parte del guidatore, e i cambi di direzione sono garantiti senza strattoni o sobbalzi pericolosi.

Chiusure smart

Sempre nell’ottica della maneggevolezza e della leggerezza, esistono oggi sistemi super smart per la chiusura dei passeggini gemellari. Basta premere su un pratico pulsante, solitamente posizionato sulle maniglie, per richiudere il tutto in pochi secondi e con pochissimo sforzo. In alcune marche, la chiusura facilitata è addirittura automatica. Attenzione però, evitate di farvi abbindolare da facili promesse. Se il prezzo del passeggino è molto basso e millanta questa opzione hi tech, è probabile  che funzionerà solo per poche volte e finirete per ritrovarvi con un passeggino che non potrete mai più chiudere.

Una doverosa premessa

Prima di analizzare le migliori prodotti in circolazione, bisogna sempre ricordare che un passeggino gemellare è un oggetto sicuramente più ingombrante e pesante di uno singolo. E’ probabile che avrete problemi ad accedere a piccoli locali e porte girevoli, quindi è necessario prendere bene le misure delle porte di casa, del portone e dell’ascensore del nostro palazzo.

E dato che i passeggini gemellari hanno comunque un costo abbastanza importante, è bene premunirsi in anticipo di avere tutte le informazioni necessarie per evitare di doverlo cambiare in corsa e andare a spendere il doppio. Stesso discorso vale per il peso. Un gemellare, per quanto leggero, supererà sempre un certo numero di chilogrammi. Questo perché bisogna moltiplicare la robustezza del telaio e il peso che debbono sopportare. Un modello gemellare, infatti, può arrivare a pesare anche più 20 kg, e difficilmente scende sotto ai 7 Kg.

Marche e prezzi

Detto questo, passiamo a vedere i modelli più leggeri. Foppapedretti ha proposto, per il 2019, una linea completa dedicata alla super leggerezza, sia nella versione singola che gemellare. Questi modelli hanno un peso che corrisponde a circa 12 kg, sono facili da chiudere e abbastanza maneggevoli. I tessuti delle capottine sono dotati di protezione dai raggi uva che li rendono adatti anche a passeggiate nei periodi di calura estiva. Il prezzo si aggira intorno alle 180 euro, confermando l’ottimo rapporto qualità prezzo di questa marca.

Ma se il peso vi sembra ancora troppo eccessivo, allora potete orientarvi verso il marchio Inglesina, che con i suoi modelli essenziali e curati, colpisce per il design funzionale ed elegante. I modelli gemellari Inglesina hanno un peso che non supera i 10 Kg grazie a un telaio in alluminio e montano ben 6 ruote dotate di sospensioni e sistema a disco frenante, che premiano questa marca per maneggevolezza e flessibilità.

A completare il tutto, Inglesina ha deciso di sostituire il maniglione unico con tre maniglie in soft touch, che permettono la massima manovrabilità. E anche il costo è sorprendente. Un modello della linea super leggera Inglesina, infatti, parte dalle 200 euro circa. Non male, ma possiamo fare di meglio in termini di peso, con il marchio Britax, che si distingue, tra le altre cose, per la sicurezza elevata e per test rigoroso sui prodotti. La linea leggera di passeggini gemellari Britex scende a 9 kg e l’azienda assicura che, da chiuso, diventi così piccolo da entrare in qualsiasi bagagliaio. Dotati di blocco automatico e chiusura ad ombrello, questa tipologia sta in piedi da sola, ed è particolarmente adatta per viaggi e vacanze in famiglia. Ma se il peso si abbassa, in questo caso, ad alzarsi è il prezzo. Un modello ultraleggero Briatx costa circa 340 euro, ma dal web ci dicono che ne valga la pena.

Più che ultra, super !

Arriviamo adesso a descrivere una vera rarità, forse gli unici modelli di passeggino gemellare ultraleggero con un peso talmente basso da sembrare passeggini singoli (leggeri anch’essi, tra l’altro). Parliamo della nipponica Cool Kidz, che al prezzo di circa 270 euro, commercializza una linea gemellare dal sorprendente perso di 4,9 kg ! Questa tipologia di modelli, acquistabili su Amazon, hanno una scocca in lega di alluminio utilizzata nell’aeronautica, sono semplici da aprire e chiudere, e presentano cinture di sicurezza allacciabili in 5 punti differenti.

Non parliamo di modelli particolarmente accessoriati, ovviamente. Anzi, la loro linea è essenziale e riduce al minimo qualsiasi gadget come maniglioni e ruote aggiuntive, ma è sicuramente un’alternativa valida come secondo passeggino gemellare, da portare al mare o in montagna per le festività e , soprattutto è la soluzione giusta quando si viaggia in aereo. Il peso così ridotto, infatti, vi permetterà di alzarlo con estrema facilità e di riporlo in qualsiasi luogo, perché piccolo e molto compatto.

Copywriter e scrittrice, mi  occupo di tutto quello che riguarda la comunicazione:  dalla progettazione di strategie, fino alla gestione  dei social network, passando per blog aziendali e uffici stampa. Mi occupo anche di visual storytelling. Appassionata di viaggi e lettura, ho un pallino per tutto quello che riguarda hi-tech e  design.

Back to top
Passeggini per Gemelli